Please enable JavaScript to view the comments powered by Disqus.

Storia

La canapa – una pianta con una lunga storia. Alcune testimonianze dimostrano che già 10.000 anni fa, in Cina, i semi gustosi e nutrienti e le fibre della pianta della canapa (Cannabis Sativa L.) svolgevano un ruolo importante. Anche l’utilizzo della canapa nella medicina ha radici molto antiche: l’imperatore Shen, nel 2737 a.C., documenta che la canapa possa essere utilizzata come rimedio per malattie come la malaria o i reumatismi.

Ma anche in Europa reperti di oltre 5500 anni fa documentano che Greci ed Egiziani si vestivano con tessuti di canapa.  Nel Medioevo la canapa e il lino come materia prima ebbe un grande sviluppo e importanza.

La canapa è stata utilizzata come materia prima per la produzione di carta, corde, vele, sacchi e vestiti. La carta di canapa nota per la sua robustezza e durabilità fu usata per le banconote e  per manoscritti importanti, anche la famosa bibbia di Gutenberg scritta nel XIV secolo è arrivata a noi in eccellenti condizioni. Gli anni della prima metà del XX secolo furono quelli del proibizionismo, nuovi materiali più economici nella lavorazione portarono la canapa, con le sue conoscenze, nel dimenticatoio. Riscoperta negli anni '90, proprio per le sue molteplici qualità, la canapa sativa o chiamata anche industriale, venne di nuovo legalizzata e piano piano portata agli allori che merita.

I motivi per la decadenza

La meccanizzazione della filatura, l'industrializzazione come anche lo stile di vita "moderno" fece fallire l'interesse e l'uso della canapa.  Dopo la metà del 19 ° secolo venne sostituita da altri materiali, come per esempio dal cotone, da sintetici ed altro. 

Allo stesso tempo, la canapa industriale è il risultato del proibizionismo della marijuana sotto pressione: in molti paesi, la coltivazione della canapa è stata - a prescindere dal fatto che sia utile - vietata.

Solo negli anni '90 molti paesi hanno sollevato i divieti per la canapa industriale. Nuovi campi di applicazione sono visibili che conquistano nuovi mercati per motivi ambientali, salutari, tecnici e economici.